I vini

Erbaluce di Caluso Bianco DOCG

L’Erbaluce prodotto dall’azienda Castello di Azeglio è un bianco dal colore giallo paglierino con riflessi luminosi che sfumano magicamente sul verde. L’odore è vinoso, raffinato, tanto da ricordare i fiori di campo con aromi di acacia e biancospino. Al palato risulta secco, fresco, regalando sensazioni profonde sostenute da un nerbo sapido che sfuma su note lievemente ammandorlate.

Non è un vino “facile” né docile, ma il suo carattere tipicamente piemontese affiora con la potenza e la serietà dei prodotti che si apprezzano gradualmente fino a diventarne per sempre amici.

Gli aromi che possiede consentono di abbinarlo perfettamente ad antipasti, risotti, carni bianche e piatti di pesce. Ottimo come aperitivo. Da provare anche a fine pasto accompagnato a tomini freschi.

La temperatura consigliata per la degustazione è di 8-10 gradi.

Scarica la scheda tecnica (PDF).

 

Erbaluce di Caluso Spumante DOCG

Lo spumante è prodotto con uve Erbaluce raccolte prima della completa maturazione. Questo garantisce un livello di acidità ottimale che consente la spumantizzazione con il metodo Classico.

La sua spuma è fine e persistente, il colore è giallo paglierino e l’odore delicato. Al palato risulta fresco e fruttato, con tutti i sapori caratteristici dell’Erbaluce. Può essere prodotto esclusivamente con il metodo Classico e le caratteristiche del vitigno lo rendono perfetto per la spumantizzazione.

Ottimo come aperitivo ma anche come accompagnamento di piatti di pesce. Da provare con il pesce d’acqua dolce. Suggeriti, in particolare, il carpaccio di trota e la tartare di coregone.

La temperatura consigliata per la degustazione è di 5-8 gradi.

Erbaluce di Caluso Spumante DOCG sarà pronto a partire dalla fine del 2015.

 

Erbaluce di Caluso Passito DOCG

I grappoli di Erbaluce vengono sottoposti a un periodo di appassimento in locali arieggiati: le cosiddette “passitaie”. Qui i grappoli rimangono appesi per il peduncolo per un periodo che oscilla attorno ai cinque mesi. Dunque l’appassimento è un processo che dura dalla vendemmia fino a febbraio dell’anno successivo. Nel mese di marzo inizia la sgranatura manuale e la conseguente pigiatura.

Dal primo giorno di novembre successivo alla vendemmia, devono passare almeno tre anni prima della commercializzazione. Questo è quanto prevede il Disciplinare, che per l’Erbaluce di Caluso Passito Riserva prescrive un anno in più: quattro anni.

L’Erbaluce Passito ha un colore intenso che dal giallo oro si esalta nell’ambrato scuro. Il suo odore è intenso, caratteristico, mentre al palato il sapore risulta dolce, armonico, pieno e al tempo stesso vellutato. Talvolta può essere presente un sentore di legno, più spesso il suo gusto dolce richiama aromi di miele, frutta passita e candita.

È proprio nella versione passito che emerge tutta la poliedricità di questo vitigno, inclusa la sua notevole capacità di invecchiamento: bottiglie di trenta o quarant’anni possono regalare emozioni uniche.

L’Erbaluce Passito è ideale per accompagnare formaggi dal gusto forte come il Roquefort, il Castelmagno o anche un buon Pecorino. È altresì perfetto per i dolci pomeridiani come i tipici amaretti, i baci di dama, i canestrelli, i torcetti al burro, i biscotti della duchessa e le paste di meliga.

La temperatura consigliata per la degustazione è di 12-13 gradi.

Erbaluce di Caluso Passito DOCG sarà pronto a partire dalla fine del 2017.

I vini